News dalla Calabria

Torna alla lista

Diocesi di Locri-Gerace:incontro per l’unità dei cristiani a Gerace

24/01/2023

 

«La bellezza che sta nelle diversità diventano unità nello spirito di Dio che è in noi in questa giornata di confronto e orazione nell’ambito della settimana di preghiera per l’unità dei cristiani».È un passaggio dell’intervento di Monsignor Francesco Oliva, vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, nel corso dell’incontro che si è tenuto presso l’Eremo dell’Unità di Monserrato, in Gerace, luogo di preghiera e di culto in cui suor Mirella Muià sta dedicando la sua vita a servizio dell’unità dei cristiani. Mons. Oliva ha paragonato l’unità dei cristiani come i colori dell’arcobaleno che insieme diventano armonia nella diversità«Mentre stavo salendo per raggiungere la chiesa dell’eremo dell’unità di Monserrato di Gerace ho intravisto un lembo dell’arcobaleno ed ho pensato che la bellezza sta nei tanti colori che creano armonia». 

Il Direttore diocesano dell’Ufficio Ecumenismo e dialogo interreligioso, don Enzo Chiodo, ha sottolineato«“Le diverse Chiese hanno scelto un versetto del profeta Isaia: “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia” per condividere un percorso ecumenico di dialogo e preghiera.  È un invito forte, quello del profeta, che stimola tutti a metter insieme fede e vita, culto e amore verso il prossimo. L’unità è dono e grazia da chiedere nella preghiera ma anche impegno perché non prevalga l’emarginazione delle persone a motivo della loro “razza”, cultura e lingua».

All’incontro hanno preso parte anche i componenti della Commissione ecumenica, padre Justin del Monastero ortodosso di San Giovanni Therestis di Bivongi e i pastori Pino Imperitura ed Ernesto D. Bretscher junior della chiesa della Riconciliazione.

Padre Justin ha detto: «Ci siamo riuniti per chiedere al Signore di concederci la volontà di donarci la forza di ricostruire l’unità laddove l’abbiamo spezzata».

Il pastore Pino Imperitura della chiesa della Riconciliazione ha evidenziato l’importanza della ripresa post pandemia con la ricerca dell’unità nella diversità: «L’amore di Dio ci consente di accettare l’altro» ed ha poi passato la parola al pastore Ernesto D. Bretscher junior, presidente di “Sos Terzo Mondo”, che ha ricordato l’impegno delle associazioni cristiane nel sostegno alle popolazioni dei Paesi in via di sviluppo e il ruolo di “carezze del cielo” che hanno, fra gli altri, la Caritas, la Comunità di Sant’Egidio e Medici Senza Frontiere, esempi concreti di carità cristiana.

Il cammino per l’unità dei cristiani proseguirà con altre iniziative nel segno della preghiera di Gesù: “Che siano tutti una sola cosa”, che rappresenta un invito a tutti coloro che sono in ricerca di Dio, agli uomini e alle donne di buona volontà che si spendono per il bene del territorio e a tutti i rappresentanti di comunità religiose di altre confessioni, per avviare un processo “sinodale” (di cammino insieme e di conoscenza reciproca”) per rispondere alle nuove sfide che il Signore pone in questo tempo.