News dalla Calabria

Torna alla lista

300° Anniversario della morte di Suor Diana De Filpo, Serva di Dio - Diocesi di Cassano all'Jonio

09/06/2022

300° Anniversario della morte di Suor Diana De Filpo, Serva di Dio
La Comunità dei Padri Minimi di San Francesco di Paola celebra, con un Pellegrinaggio a Cassano Allo Ionio, Suor Diana De Filpo in occasione del 300° anniversario della morte. L’evento si svolgerà Venerdì 10 giugno 2022 con partenza alle ore 14.30 dal Piazzale del Santuario di Paola per giungere alle ore 16.00 nella cittadina ionica. Alle ore 18.00 sarà officiata la Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta Mons. Francesco Savino, Vescovo di Cassano All’Jonio. Suor Maria De Filpo, Serva di Dio, nacque il 28 agosto 1677 a Cassano allo Ionio, da Marcello, dottore fisico professore di medicina, e da Anna Castellano, Diana de Filpo. Nel 1691 indossò l’abito del Terzo Ordine dei Minimi, ancora inesistente allora a Cassano e dove fu introdotto solo dopo venti anni, il 10 febbraio 1719. Fatta quindi domanda di ingresso nel Terzo Ordine al Vicario padre Isidoro Lattaro, dopo l’anno di noviziato, l’11 febbraio 1720, domenica, Diana poté diventare terziaria a tutti gli effetti, la prima terziaria a Cassano. Rinunciato alla dignità del suo stato sociale, ai piaceri mondani, fu sempre amorosa, benigna, compassionevole con quanti bussavano alla sua porta e aiutava tutti con purità di cuore e con retta intenzione di servire solo il suo Signore.
Il suo cammino di perfezione seguì scrupolosamente e con perseveranza la Regola professata, ponendo Dio al centro, senza trascurare i doveri della vita che esplicò soprattutto prestando assistenza alla vicina Chiesa di San Francesco. Dopo la sua morte, avvenuta a 45 anni, diversi fedeli furono spettatori di molti prodigi che alimentarono una intensa devozione popolare nei confronti della suora e hanno consentito l’avvio della causa di beatificazione. Benché vissuta nel nascondimento, la fama della santità della mistica cassanese si diffuse rapidamente anche fuori della Calabria, nel Regno di Napoli e finanche a Venezia.



Fotogallery